Emergenze
342 5677680
Dongo Via San Lorenzo, 26 - Tel. 0344 82565
San Bartolomeo Val Cavargna Via Trieste 2 - Tel: 0344 66400
sorriso

Trasparenza, affidabilità e precisione a tua disposizione.

  • Dolori mandibolari

    Dentista a lecco e DongoMolte persone che soffrono di mal di testa, tensione alle articolazioni, dolori mandibolari, potrebbero avere in comune dei disturbi dell’articolazione temporo mandibolare (A.T.M.).

    Cos’è l’articolazione temporo-mandibolare?

    La mandibola si connette alle ossa del cranio per mezzo delle articolazioni temporo-mandibolari.

    Immaginiamo che le due articolazioni temporo-mandibolari (destra e sinistra) siano come i cardini di una porta, e la mandibola si apra e si chiuda, ruotando attorno a questi cardini.

    In realtà, i movimenti mandibolari sono molto più complessi e sofisticati: la mandibola oltre a ruotare attorno alle articolazioni, si può spostare anche in avanti e lateralmente.

    La sindrome dell’ATM si verifica quando la complessa articolazione che “congiunge” la mandibola superiore con quella inferiore non funziona correttamente.

    Quali sono le cause dei  dolori mandibolari e dei disturbi all’ATM?

    Non sempre è possibile determinare l’esatta causa dei dolori mandibolari legati ai disturbi dell’ATM (articolazione temporo mandibolare), ma si ritiene che un fattore importante sia il sovraccarico di lavoro a cui i muscoli masticatori sono sottoposti.

    In particolare in situazioni fisiche e mentali molto stressanti che sottopongono le articolazioni mandibolari ad uno sforzo eccessivo e continuo, possono dar luogo a tensione muscolare e spasmi, iniziando un circolo vizioso, che se non interrotto può portare, in alcuni casi, ad un disturbo cronico.

    Altri fattori aggravanti possono essere digrignamento dei denti (bruxismo), traumi, artriti, problemi di occlusione ed altri problemi dentali od una combinazione di più fattori.

    Che cos’è il bruxismo?

    Chi soffre di bruxismo digrigna in maniera involontaria i denti. Non c’è una causa specifica per questo movimento dei muscoli e della mascella, che infatti viene definita parafunzione. Spesso il bruxismo si manifesta di notte e in molti casi determina dei problemi ai denti, per questo quando è frequente andrebbe contrastato con l’uso di apposite mascherine chiamate bite. Talvolta il bruxismo può essere così rumoroso che ad accorgersi per primo della condizione è il partner durante il sonno.

    Per bruxismo si intende una condizione in cui si digrignano i denti, sfregando l’arcata superiore contro l’inferiore o stringendo con una certa forza le mascelle. Il bruxismo è una condizione abbastanza frequente che dipende dall’involontaria contrazione dei muscoli della masticazione e può causare diversi disturbi: usura dei denti, dolore alla mandibola, mal di testa.

    Quali sono le cause del bruxismo?

    È difficile indicare la causa del bruxismo. Studi scientifici hanno indicato numerosi fattori, che spesso possono concorrere a provocare il disturbo, tra i quali ansia e stress, problemi emotivi e psicologici, disturbi del sonno, un disallineamento delle arcate dentarie (malocclusione), risposta muscolare a malattia neurodegenerativa.

    Nei bambini, il digrignamento, potrebbe essere dovuto al tentativo di alleviare il dolore di un’otite, del mal di denti o per scaricare l’energia accumulata durante il giorno.

    Il fumo, l’abuso di alcolici e caffeina, il consumo di droghe possono determinare il fenomeno.

    I sintomi più comuni della sindrome dell’ATM includono:

    • Mal di testa (spesso simili all’emicrania), mal d’orecchio, dolore e pressione dietro agli occhi
    • Uno schiocco o scatto quando si apre e si chiude la bocca
    • Dolore quando si sbadiglia, quando si spalanca la bocca o quando si mastica
    • Mandibole che si “bloccano” o vanno fuori posizione
    • Debolezza dei muscoli della mandibola

    Improvvisa variazione del modo in cui i denti superiori e inferiori vengono in contatto

    Come si cura la sindrome dell’ATM?

    Sebbene non ci sia un’unica cura per la sindrome dell’articolazione temporo-mandibolare, esistono vari trattamenti a cui sottoporsi per ridurne drasticamente i sintomi. I nostri specialisti  potranno effettuare una diagnosi adeguata e, attraverso una completa anamnesi dentale e radiografie, potranno trovare la soluzione più adatta a te come ad esempio riducendo gli effetti nocivi del digrignare i denti indossando un dispositivo, chiamato bite realizzato su misura per adattarsi alla tua bocca. Tale dispositivo si applica ai denti superiori e li protegge dal digrignamento contro i denti inferiori.

    Vedi anche: Invisalign a Lecco

    Leave a reply →

Leave a reply

Cancel reply

Photostream